16 giugno 2016

Penne rigate al Monterosa

Le penne rigate al Monterosa sono un primo piatto ideale per i pranzi o le cene d'estate. 

Gli ingredienti principali rimandano ai tipici sapori della terra (da qui il nome della ricetta) ma nonostante questo il risultato finale è quello di un piatto estremamente fresco, colorato e appetitoso

Inoltre è un piatto facile da fare perché il procedimento non è molto elaborato, gli ingredienti hanno un costo basso e nell'insieme formano un condimento molto gustoso e saporito che piacerà a tutti 😜

Penne rigate al Monterosa

PENNE RIGATE AL MONTEROSA
Ingredienti per 4 persone
320 g di penne rigate
500 g di funghi
400 g di pomodorini
100 g di pancetta magra
1 bicchierino di vino bianco
1 cipolla bianca
50 g di Grana Padano
prezzemolo tritato q.b.


Pulire i funghi e tagliarli a fettine, lavare i pomodorini e tagliarli a metà. Prendere la pancetta e tagliarla a listarelle, tritare finemente il prezzemolo e ridurre il Grana Padano a scaglie non troppo piccole.

Una volta che tutti gli ingredienti sono pronti per la cottura, riscaldare una padella antiaderente piuttosto alta e larga e soffriggere la cipolla tritata finemente insieme alla pancetta con un filo d'olio. Aggiungere una parte dei pomodorini e lasciare che rilascino la loro polpa. Trascorsi 5 minuti, aggiungere i funghi e i restanti pomodorini, insaporire con sale e pepe e cuocere con un coperchio. A metà cottura, sfumare con il vino bianco. In totale il condimento dovrà cuocere circa 20 minuti, quindi nel frattempo lessare la pasta.

Una volta che quest'ultima sarà cotta al dente, scolarla e versarla nel condimento. Accendere la fiamma e mantecare per qualche minuto la pasta aggiungendo le scaglie di Grana e mescolare bene. Spegnere il fuoco e unire il prezzemolo tritato.


L'azienda enologica e olearia Villa Grazia di Sicilia consiglia di abbinare a questo piatto un bicchiere di Eracle rosso, Nerello Mascarese delle Cantine Villa Grazia di Sicilia, vinificato in purezza dal colore rosso ciliegia, con riflessi tendenti al granato. L'impatto olfattivo è intenso, volto sulle note vinose e fruttate, fini ed eleganti dove spiccano profumi di ciliegia, mora ed amarena. Dal gusto intenso e tendenzialmente sapido, avvolgente con retrogusto di tannino dolci, di buona persistenza. Ideale per accompagnare ed esaltare tutti i profumi e i sapori di questa pietanza.

Ci sono 6 commenti

  1. Sanny, ma che bontà queste penne!!!
    Le mangerei anche adesso per merenda!! :-))))))))

    Bacio grande e buon pomeriggio! :-*

    RispondiElimina
  2. da cosa scaturisce questo nome???Che piatto meraviglioso, ottima scelta di ingredienti!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina! Proprio per gli ingredienti che richiamano i sapori della terra. Penne rigate ai monti mi sembrava poco incisivo, allora ho scelto Monterosa anche perché il sughetto che si forma ha un bel colore..rosa! :-) Grazie mille per i complimenti e il commento!

      Elimina
  3. Che primo piatto godurioso e buonissimo,non immagini l'acquolina che mi ha fatto venire:))bravissima Sanny ti faccio i miei migliori complimenti:)).
    Un bacione e buona domenica:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy, sempre gentilissima! :-)

      Elimina